Universo Futurista

Universo Futurista, a cura di Jeffrey T. Schnapp e Silvia Evangelisti, inaugura il 21 aprile contestualmente all’apertura della Fondazione Massimo e Sonia Cirulli, una nuova istituzione privata italiana che nasce sulla base di un archivio storico dedicato alla cultura italiana del XX secolo, avviato a New York nel 1984 dai suoi fondatori, Massimo e Sonia Cirulli, che oggi conta una collezione di alcune migliaia di pezzi.

La mostra è focalizzata sul nucleo della collezione dedicato a questo periodo storico (1909 -1939) di oltre 200 opere realizzate in diversi materiali, forme e misure – create da artisti quali Balla, Boccioni, Bonzagni, Bucci, Casarini, Chiattone, D’Albisola, Depero, Diulgheroff, Guerrini, Korompay, Licini, Marchi, Marinetti, Masoero, Munari, Prampolini, Russolo, Schawinsky, Sant’Elia, Sironi, Tato, Thayaht. – e pone l’accento su tematiche centrali dell’estetica futurista come l’inno alla vitalità creativa, alla giocosità e alla fantasia di un’arte che rallegra il mondo ricreandolo integralmente, dalle parole del Manifesto “Ricostruzione Futurista dell’Universo” redatto nel 1915 da Giacomo Balla e Fortunato Depero.

Eccezionale la sede della Fondazione in cui è allestita la mostra, progettata dagli architetti e designer Achille e Pier Giacomo Castiglioni per Dino Gavina e Maria Simoncini, a San Lazzaro di Savena, nel 1960. L’edificio è stato restaurato nel pieno rispetto delle scelte originali cercando di ridurre al minimo i necessari interventi per l’adeguamento alla sua nuova vita pubblica.

Universo Futurista

21 aprile-18 novembre 2018