dischirotti. SPECIAL EVENT

Dalle 20.00:
Talk “I Cani – i dischi, i bagni nel mare, l’umanità” con Natan Salvemini (Stormi). Modera Matteo Bresaola (dischirotti).
A seguire:
Tommaso TOTA
MY GIRL IS RETRO

// Talk “I CANI. I DISCHI, I BAGNI NEL MARE, L’UMANITÀ “

Un pensiero distratto in un giorno qualsiasi, mentre si sfreccia in motorino in centro a Roma. Tutto inizia quasi per gioco, nel più totale anonimato. È il giugno del 2010 quando I pariolini di diciott’anni e Wes Anderson vengono caricati sotto il nome de I Cani su SoundCloud e Youtube. La reazione del pubblico è qualcosa di molto simile a un fenomeno virale, preludio al primo disco uscito l’anno dopo per la 42 Records. I primi concerti e le interviste con un sacchetto di carta in testa, due buchi per gli occhi: la scelta iniziale di non rivelare la propria identità, per sentirsi più liberi di raccontare e raccontarsi. Quando si parla de I Cani la tentazione è sempre quella di usare il plurale, ma sarebbe più giusto parlare di one man band. la mente dietro il progetto è Niccolò Contessa, classe 1986, nato a Spoleto, romano d’adozione, laurea in matematica e già leader del gruppo elettronico Tavrvs. Per Niccolò i cani sono gli attori che non sanno recitare, ma anche i migliori amici dell’uomo; ci sono i cani randagi e da salotto, fino a quelli da combattimento. È il nome giusto per parlare di molte cose, anche diverse tra loro. Da un volto sfocato o nascosto all’apprezzamento di Roberto Saviano che definì le canzoni de I Cani “tra i migliori racconti sul nostro Paese”, da una cameretta solitaria ai grandi palchi, dal cantautorato come passione un po’ nerd all’esperienza come produttore per Calcutta e Coez, sino alla candidatura ai David di Donatello: tra l’amore-odio per la visibilità e un’innata timidezza, un sorprendente album d’esordio e la voglia di Sparire, la storia dell’“ennesimo gruppo pop romano” tra biografia e racconto.

Natan Salvemini è nato a Faenza nel 1983. È scrittore e critico musicale. Ha un blog personale, Stormi, dedicato alla musica indipendente italiana (www.stormiblog.it). Scrive per diverse riviste musicali, tra cui Rockit e Dance Like Shaquille O’Neal. Gli piacciono le tartarughe, perdersi tra gli alberi e Bill Murray.

// TOMMASO TOTA live
Classe 1993, è eclettico, anticonvenzionale, innamorato della scrittura e della musica in ogni sua sfumatura. Nel suo immaginario si mescolano in modo viscerale e poetico amore, disamore, visioni quotidiane e stralci di inattesa realtà.
Il suo esordio è una raccolta di canzoni chitarra e voce che gli hanno permesso di accaparrarsi una buona fetta di pubblico, fino ad arrivare all’apertura di nomi come Gazzelle, Carl Brave x Franco126, Galeffi, Mudimbi e Cimini. Date in tutta Italia, da Milano a Roma, con il suo primo concerto da main artist a Bologna. “Cielocasa” è la sua prima uscita su Spotify, una raccolta delle sue canzoni più ascoltate su YouTube più qualche inedito, completamente chitarra e voce. A giugno le cose si fanno più serie e arriva la firma con un’etichetta discografica, Grifo Dischi, che porterà il giovane artista in un vero studio di registrazione per la prima volta con l’obiettivo di far uscire il suo primo album ufficiale. Dal 27 aprile è disponibile su tutte le piattaforme il suo nuovo singolo “Tachiflu” che in poco tempo ha raggiunto i 5k ascolti su Spotify, con una produzione per la prima volta più complessa e con suoni elettronici. Un brano con un testo apparentemente semplice ma che nasconde all’interno due storie diverse, una finita male e un’altra che sta nascendo.

// MY GIRL IS RETRO live 
My Girl Is Retro è il progetto musicale di Carlo Cianetti, giovane cantautore diciannovenne della provincia di Perugia. E’ uscito il 23 febbraio scorso il suo primo EP “Bordopiscina” (autoprodotto), che contiene cinque brani che parlano di amore, solitudine e paure. L’EP è stato anticipato il 2 febbraio dal singolo “Il giorno che ho provato a esser Dio”. “Bordopiscina” suscita da subito una discreta attenzione e pur senza ancora casa discografica, booking o management, di My Girl Is Retro si parla su diverse webzine e radio specializzate della zona umbra e non, gli ascolti complessivi tra Spotify e Youtube raggiungono i 40.000 streams e continuano a crescere e il progetto partecipa ad importanti festival di rilevanza nazionale, come L’Umbria che Spacca di Perugia (vincitore del “Co(op)ntest”) ed il Woodoo Fest di Cassano Magnago (VA).

Un ringraziamento speciale a FLOOR concerti