E-R Design. Estetica del quotidiano negli istituti culturali dell’Emilia Romagna

Con design industriale “si indica quel particolare settore della produzione industriale dove al dato tecnico si accompagni un elemento estetico” (Dorfles, 1987); progetti, prototipi e oggetti che, accanto a una funzione utilitaria, coniugano una componente estetica e abbiano un carattere iterativo sottostando a leggi di mercato e di marketing, sono stati oggetto di una ricerca sulla materia ad ampio raggio e su svariate tipologie di musei e raccolte, biblioteche e archivi della regione Emilia-Romagna.

Bertozzi & Casoni, Gulp lampada da tavolo per Cooperativa Ceramica d’Imola, 1986-87, Imola, Museo “G.Bucci”

Si è realizzato un censimento del design negli Istituti culturali della Regione Emilia-Romagna: sono state indagate 439 realtà museali di cui 50 hanno dimostrato nuclei collezionistici inerenti la materia – disegni, progetti, prototipi, oggetti – che per i suoi indefiniti e ambigui confini è stata circoscritta in alcuni insiemi, e sottoinsiemi a seconda del caso, in base ai più recenti studi sull’argomento.

Tale censimento ha messo in evidenza un atlante delle tipologie composto da: arredi urbani, architettura, automobili, bilance, bottoni, design grafico, carrozze, ceramiche, comunicazioni e telecomunicazioni, documenti, elettronica di consumo, fotografie, giochi educativi, illuminazione, libri oggetto, macchine utensili e industriali, maquette, mezzi di trasporto, motori, oggetti di arredo, oggetti in metallo, oggetti di uso quotidiano, piastrelle, progetti, prototipi, mobili, tessuti, vasellame, vetri.

Per la diffusione di tale ricerca, è prevista la pubblicazione della banca dati dei Luoghi del Design in Emilia-Romagna all’interno del Catalogo del Patrimonio Culturale  e dell’ e-pub in formato interattivo E-R design: estetica del quotidiano nei musei dell’Emilia-Romagna a cura di C. Collina, con saggi di Raimonda Riccini, Flaviano Celaschi, Claudia Collina, Simona Riva, Giovanna Cassese, Beatrice Cunegatti, Silvia Ferrari e Mirella Maria Plazzi nell’ambito di una tavola rotonda prevista il 27 settembre 2017 alle ore 14 presso la Biblioteca dell’IBC  “Giuseppe Guglielmi”, Bologna, via Marsala 31.